CONIGLIO CON GERLA IN CERAMICA CM.28 "MUMMELMANN"
CONIGLIO CON GERLA IN CERAMICA CM.28 "MUMMELMANN"
CONIGLIO CON GERLA IN CERAMICA CM.28 "MUMMELMANN"
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, CONIGLIO CON GERLA IN CERAMICA CM.28 "MUMMELMANN"
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, CONIGLIO CON GERLA IN CERAMICA CM.28 "MUMMELMANN"
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, CONIGLIO CON GERLA IN CERAMICA CM.28 "MUMMELMANN"

CONIGLIO CON GERLA IN CERAMICA CM.28 "MUMMELMANN"

Prezzo di listino
€34,80
Prezzo scontato
€34,80
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse.

Sembra che la tradizione del coniglietto pasquale,nasca nei paesi del Nord Europa. Più che al coniglio, però, il riferimento è alla lepre ( MUMMELMANN): non solo uno degli animali più scaltri e resistenti durante i mesi freddi dell’anno, ma anche uno dei più attivi proprio con l’arrivo della bella stagione, fra i primi che si possono osservare sui prati fioriti.

Le popolazioni nordeuropee riconducevano all’animale il significato della fertilità e della rinascita: il coniglio, noto per la sua facilità di riproduzione, rappresentava alla perfezione il ritorno alla vita dopo il freddo e le tenebre dell’inverno.

L’associazione vera e propria con la Pasqua, tuttavia, pare sia avvenuta in Germania. Secondo la tradizione, rimasta intatta fino ai giorni nostri in diverse località tedesche, la notte prima di Pasqua i bambini sono chiamati a preparare un comodo nido per il coniglietto, adagiando della paglia e lasciando qualche leccornia affinché l’animale possa rifocillarsi. Il quadrupede, in caso il bimbo si sia comportato bene nel corso dell’anno, lascia in dono delle uova colorate.

Eppure l’animale non è affatto assente nella storia religiosa del Cristianesimo. Il riferimento più emblematico lo si trova in Sant’Ambrogio, il Patrono di Milano, il quale indicò nella lepre il simbolo della Resurrezione.Infatti, il  manto dell'animale  ha la caratteristica di mutare colore con il cambiare delle stagioni. Questo suo variare a secondo del ritmo della natura fu collegato al concetto di rinascita e quindi a quello della Resurrezione.